Come risparmiare sul tuo nuovo allarme con il bonus sicurezza 2021

30 Jul 2021

A seguito della pubblicazione della Legge di Bilancio in Gazzetta Ufficiale, per tutto l'anno in corso, è possibile richiedere il bonus sicurezza 2021 per gli impianti di sicurezza. Il provvedimento, rientra nelle agevolazioni previste per il bonus ristrutturazioni, consiste nella possibilità di detrarre il 50% delle spese sostenute per l'acquisto e l'installazione di sistemi di videosorveglianza e allarme.

Cosa rientra nel bonus sicurezza 2021

Gli incentivi, nell'ambito del bonus sicurezza 2021, consentono di beneficiare di uno sconto fiscale pari alla metà dell'importo speso, fino a un limite massimo di 96mila euro, per gli interventi che riguardano la difesa passiva e attiva degli immobili. Dunque, tra le spese ammesse dall'Agenzia delle Entrate, oltre agli impianti di videosorveglianza, rientrano anche gli impianti di allarme, telecamere o fotocamere e videocitofoni. Inoltre, è stato reso noto che per ottenere le detrazioni fiscale non è necessario avviare un cantiere per la ristrutturazione dell'abitazione ma è possibile usufruirne anche se si intende installare unicamente i presidi di sicurezza ammessi.

Bonus sicurezza 2021: chi può richiederlo e come

Gli incentivi possono essere richiesti da qualunque contribuente soggetto al pagamento delle imposte sui redditi, purché sia una persona fisica. Quindi possono farne richiesta:

- proprietari di immobili;
- usufruttari o comodatari;
- soci di cooperative;
- imprenditori individuali possono richiederlo per gli immobili non annoverati tra beni strumentali;
- le società semplici in nome collettivo;
- le imprese familiari.

Risulta fondamentale che la detrazione fiscale sicurezza del 50% venga richiesta per strutture già esistenti e, dunque, non in stato di costruzione.
 

Per ottenere il bonus sicurezza 2021 è necessario seguire degli step precisi affinché la pratica sia eseguita correttamente:

- per prima cosa, bisogna avviare una pratica per il rimborso riportando la data precisa degli interventi. Possono essere rimborsati tutti i lavori avvenuti a partire dal 1 gennaio 2018;
- è necessario che i lavori siano stati pagati mediante bonifico bancario o postale parlante;
- in caso di finanziamento, è necessario che la società finanziatrice abbia trasmesso il denaro al beneficiario tramite bonifico;
- eseguite le procedure descritte, la richiesta va allegata alla dichiarazione dei redditi indicando l'ammontare della spesa sostenuta;
- se non si procede mediante bonifico, è possibile usufruire dello sconto in fattura o della cessione di reddito, inviando telematicamente la pratica all'Agenzia delle Entrate.

Con S.T.I. impianti di sicurezza su misura

Attiva dal 1920, S.T.I. progetta e istalla impianti di sicurezza per abitazioni e aziende. Operanti da molti anni nel settore, miriamo a costruire un solido rapporto con il cliente, prestando attenzione alle reali esigenze ed evitando interventi eccessivi e inopportuni. Crediamo nell'importanza della realizzazione di soluzioni customizzate e per questo garantiamo un totale affiancamento a partire dalla fase progettuale fino ai servizi post-vendita di assistenza e manutenzione. 

© 2020 STI Società Telecomunicazioni Integrate Srl - All Right Reserved - Admin - Powered by